Packers, è Kuhn la chiave di volta?

Il ritorno di Mike McCarthy nel ruolo di play-caller offensivo domenica scorsa contro i Dallas Cowboys ha avuto un sapore molto “vintage”.

Anzichè mandare in campo il solito 11-personnel (1 RB, 1 TE e 3 WR) a cui eravamo abituati, ed a cui si erano abituate soprattutto le difese avversarie rendendolo inefficace, McCarthy ha rispolverato un ruolo quasi dimenticato nella NFL moderna, quello del fullback, con John Kuhn (nella foto).

L’attacco dei Packers non ha mai completamente abbandonato il fullback, in verità, ed attualmente a roster ce ne sono addirittura due (l’altro è Aaron Ripkowski, rookie da Oklahoma scelto al sesto giro del Draft 2015). Nonostante la presenza a roster però, l’utilizzo in campo era stato molto limitato finora. La media di snap giocati a partita da Kuhn, prima di domenica, era di 11,7. Contro Dallas invece il #30 ha giocato addirittura 44 snap sfiorando il record in carriera (45, nel 2012 a Seattle). E la sua presenza in campo è stata fondamentale per l’esplosione del running game dei Packers, capace di produrre 230 yards totali, di cui 195 con i due running-back Eddie Lacy (24 portate, 124 yards) e James Starks (11 portate, 71 yards).

Kuhn era in campo per 28 delle 35 corse di Lacy e Starks, ed i suoi blocchi hanno contribuito al guadagno di 173 yards (6,18 di media) rispetto alle sole 22 yards (3,14 di media) guadagnate quando in campo invece non c’era.

LACY STARKS TOT
Carries yards avg. Carries yards avg. Carries yards avg.
CON FULLBACK 19 110 5,8 9 63 7 28 173 6,18
SENZA 5 14 2,8 2 8 4 7 22 3,14

Altra novità rispetto a quando a chiamare i giochi era Clements, l’incidenza molto minore delle corse a partire dalla shotgun, praticamente sempre improduttive ma ugualmente parte integrante del playbook nelle prime 12 partite di quest’anno.

Domenica scorsa infatti abbiamo visto le più tradizionali (ed efficaci, quando si tratta di running game) I-Formations con Rodgers a ricevere il pallone sotto il centro e, dietro di lui, Kuhn e Lacy/Starks, nonchè le Pistol introdotte sul finire della scorsa stagione quando l’infortunio al polpaccio limitava drasticamente la mobilità di Rodgers.

L’unica corsa dalla shotgun ha portato ad una perdita di 2 yards, mentre dalla pistol sono venuti i guadagni maggiori (147 yards a 6,13 di media).

LACY STARKS TOT
Carries yards avg. Carries yards avg. Carries yards avg.
PISTOL 15 82 5,5 9 65 7,2 24 147 6,13
SHOTGUN 1 -2 -2 0 0 0 1 -2 -2
I-FORMATION 8 44 5,5 2 6 3 10 50 5
TOT 24 124 5,2 11 71 6,5 35 195 5,57

Per far funzionare il running game quindi, McCarthy aveva previsto una dose massiccia di Kuhn dall’inizio alla fine del match. E la strategia ha sicuramente avuto successo. Resta da vedere se questa sia stata la mossa di una partita, oppure se si tratta della direzione in cui andrà l’attacco in questo importantissimo finale di stagione.

4 pensieri su “Packers, è Kuhn la chiave di volta?

  1. Che piacere leggere di nuovo qualche articolo su gb anche su playit, soprattutto se scritto da ipfn, di cui purtroppo non riesco sempre a seguire il podcast. Complimenti e continuate così!
    Btw: e lo scoprono solo ora che kuhn era è e sarà sempre decisivo? Kuuuuuuuuuhn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *